Un progetto che porta a teatro, insieme, genitori e figli. Si intitola “Le eroine del mito” ed è stato ideato dall’attrice e drammaturga Eisabetta Vergani, con il Teatro del Buratto e Farneto Teatro. Come dice il nome, il progetto porta in scena i grandi personaggi femminili del mito e della tragedia greca, non necessariamente con i testi classici, per esempio quelli di Eschilo o Euripide, ma anche nelle riscritture di autori contemporanei, come Hugo Von Hofmannsthal e Christa Wolf.

“Le eroine del mito” diventa così, per gli adulti, l’occasione di vedere sulla scena alcune delle tragedie conosciute ai tempi del liceo. Per i ragazzi, che quelle tragedie le stanno studiando sui libri di scuola, il teatro rappresenta un modo alternativo di avvicinarsi a quei testi, per capirne a fondo l’attualità, la capacità di parlare anche a noi e di noi, dei nostri tempi, della nostra vita. Ma, in fondo, il teatro non è proprio questo?

I lavori teatrali proposti si basano sull’approfondimento della psicologia delle protagoniste, donne tormentate, complesse, che coinvolgono gli spettatori nella loro tragedia personale che diventa sempre tragedia collettiva. E’ anche un modo per parlare del ruolo della donna nella società, dei complessi e ambivalenti rapporti tra madri e figlie, tra sorelle. Altri temi forti sono la famiglia, la condizione di emarginazione, il contrasto tra le ragioni di stato e la coscienza personali. Non che gli uomini siano esclusi… Le figure maschili sono presenti nelle tragedie e con esse le protagoniste donne devono rapportarsi. Come spesso accade nei rapporti di coppia, i personaggi maschili sembrano incapaci di comprendere “le ragioni del cuore” e si limitano a usare il potere di cui dispongono.

Ecco dunque il programma degli spettacoli e delle letture sceniche, che si svolgeranno tutti al teatro Verdi di Milano (via Pastrengo 16):

“Elektra” di Hugo Von Hofmannsthal (fino al 20 dicembre 2009)

“Cassandra” di Christa Wolf (lettura scenica, 14 dicembre 2009, ore 16)

“Elena” di Ghiannis Ritsos(26 febbraio-21 marzo, ore 21)

“Medea” di Christa Wold (8 marzo ore 16)

“Antigone” da Sofocle, Eschilo, Euripide (15 marzo, ore 16).

Il progetto è particolarmente consigliato ai ragazzi delle scuole superiori e a quelli delle medie interessati al teatro e già abituati a frequentarlo.

Per informazioni e prenotazioni, tel. 02/27002476 o 02/6880038, www.teatrodelburatto.it.

 

Di Francesca Capelli